27/09/2009

CDS Assoluti Finale Oro


E per il secondo anno consecutivo l'impresa si è ripetuta! Sesto posto in Italia e permanenza nella massima serie garantita. Se l'anno scorso la salvezza della squadra maschile (unica società senza stranieri o atleti militanti in gruppi sportivi militari) era stata salutata come un miracolo, quest'anno eravamo più consapevoli di potercela fare, anche se il decimo posto di partenza e l'assenza dell'ultimo minuto di Fabio Crispino (influenzato) potevano far sorgere alcuni legittimi dubbi. Invece via via che le gare si susseguivano era chiaro che, a parte le imprendibili Riccardi e Cento Torri e la subito sprofondata Catania (onestamente ci chiediamo che senso abbia schierare un siepista da 16' o un giavellottista da 5 m...), tutti le altre formazioni se la sarebbero giocata fino all'ultimo per conquistare un posto al sole. E alla fine il posto al sole è arrivato, premio per una squadra sempre più unita, composta in percentuale sempre crescente da atleti di Firenze, nuovamente senza militari e quasi senza stranieri (l'unico era il velocista juniores Romuald Kouko, non cero paragonabile ai keniani da 14' sui 5000 assoldati da altre compagini). E' sempre difficile selezionare solo alcuni risultai da citare quando tutti gli atleti si mostrano caparbi e attaccati alla maglia. Comunque non possiamo esimerci dal ricordare il secondo posto di Dario Ceccarini nel martello (61,96), il terzo posto di Paolo Natali sulle siepi (9'03"60), il quarto (lungo) e quinto posto dell'eterno capitan Mangani, la monumentale prova del veterano Tubini (quarto nel peso con 15,73, a 2 cm dal record sociale), lo stupefacente rientro di Tommaso Gaspari (ottavo nell'asta con 4,40 quasi senza allenamenti alle spalle) e le preziose prove degli allievi Michele Amoroso (18° nella marcia in 58'09"66) e Gabriele Alberti (18° nel lungo con 6,31). Il prossimo anno cambierà di nuovo il regolamento, ma l'Atletica Firenze Marathon sarà ancora tra le migliori: questo il responso finale da Caorle.

Tutti i risultati