24/05/2009

Top Club Challange 2009


Il 23 e 24 Maggio si è svolta a Pescara la seconda ed ultima edizione della Top Club Challenge, competizione a cui teoricamente avrebbero partecipato i 12 migliori club d’Italia sia civili che militari. Diciamo teoricamente perché ci sono state molte defezioni sia da parte di società civili che militari, tanto che qualcuno ha spiritosamente ribattezzato la manifestazione “Flop Club Challange”. La nostra scelta è stata comunque quella di partecipare, sia per onorare la manifestazione, sia per dare ai nostri atleti la possibilità di confrontarsi con i big della nazionale. Certo non nascondiamo che quando poi la risposta di alcuni atleti è fredda (per motivazioni di studio, famiglia o… fine settimana al mare!), ci chiediamo se valga davvero la pena di fare questi sforzi (soprattutto economici). Fortunatamente però i presenti hanno dato tutti il massimo gareggiando sempre ai limiti delle proprie attuali possibilità, e questo ci ha un po’ rinfrancato dal non avere potuto coprire alcune gare per le ragioni di cui sopra. Alla fine la squadra femminile ha riconfermato l’ottava posizione di iscrizione facendo addirittura meglio degli uomini, iscritti con il sesto posto ma arrivati poi noni. In campo femminile i migliori piazzamenti sono stai quelli delle promesse Ambra Julita, che con un buon 47,75 nel disco riavvicina il suo fresco record sociale, e Claudia Benedini (asta), abbastanza lontana dal personale ma comunque sul podio con un buon 3,60. Sempre Claudia ha coperto anche la gara di alto, conclusa con un rispettoso 8° posto in 1,55 m. Subito ai piedi del podio si è piazzata invece grazie ad un ottimo 14”66 nei 100 hs (miglior prestazione elettrica promesse ed assalto fallito di un soffio allo storico record di Carla Panerai) Martina Da San Biagio, che il giorno seguente ha realizzato anche il personale nel lungo con 5,73 (5^ posto). Una delle migliori prestazioni di questa due giornate di gare è stata senza dubbio quella della junior Camilla Fiorindi 5^ sia nei 100 che nei 200 (con il personale su entrambe le distanze), ormai a suo agio nel gareggiare a fianco di atlete navigate e più volte maglia azzurra come Vincenza Calì, Doris Tomasini e… Audrey Alloh; sui 100 Camilla ha chiuso in 12”19 mentre nella distanza doppia ha siglato un buonissimo 25”19. Realizza il personale anche la junior Emma Martinelli sui 400 (1’00"39), impegnata poi anche sui 400 hs (per lei un buon 1’05”46). Discrete anche le gare dell’altra nostra lanciatrice, la promessa Valentina Raspa: 11,12 m nel peso e 42,49 m nel martello le valgono due settimi posti. Nessun atleta della squadra maschile è invece riuscito a guadagnare il podio, ma la concorrenza dei gruppi militari (e non solo) era davvero tosta. Bene comunque i nostri velocisti: Gaetano Barone ha corso i 100 in 10”75 (5° posto) e Arcangelo Morizio i 200 in 21”85; sempre Arcangelo nei 400 riavvicina con 48”78 (8°) il proprio record sociale realizzato alla fase regionale dei cds. Nei 400 hs buon 5° posto per Marco Cappetti, allo stagionale con 53”29. Nei lanci quinti posti di Federico Apolloni (disco) e Dario Ceccarini (martello). Molto bene i mezzofondisti Luca Morandini e Fabio Crispino, entrambi al personale nelle rispettive gare con notevolissimi progressi rispetto all’anno scorso (e di questo va dato atto ai loro tecnici Fois e Fiorenza): 3’55”05 sui 1500 per Luca (personale migliorato di 4” e minimo per gli Italiani) e 1’52”61 per Fabio negli 800 m. Sempre nel mezzofondo bene anche Paolo Natali (9’03”45 nei 3000 st, 5° posto), che purtroppo non ha potuto gareggiare sui 5000 m della seconda giornata per un risentimento, e Dino Mucci, 6^nei 10 km di marcia. In ripresa Giacomo Dalprà, tornato sotto i 16” sui 110 hs (15”92). Infine da segnalare una discreta 4x400 maschile (Cappetti-Fedele-Mattei-Morizio), 6^ in 3’17”81 (resiste ancora lo storico record sociale del 1992…), ed una dignitosa 4x100 (Barone-Coppa-Corbinelli-Kouko), 8^ in 42”15.

Risultati completi